Quali sono i solfiti del vino?

Getty Images / BSIP

I solfiti di vino sono presenti in natura a livelli bassi in tutti i vini e sono una delle migliaia di sottoprodotti chimici creati durante il processo di fermentazione. Tuttavia, il vinificatore aggiunge anche solfiti per preservare e proteggere il vino dai batteri e dalle invasioni piene di lieviti. Per alcuni, allergie allo zolfo possono essere associate a mal di testa e seni soffici dopo un bicchiere o due di vino.

Quali sono i solfiti e da dove vengono?

Il diossido di zolfo (SO2), o solfiti come sono meglio conosciuti nel mondo del vino, è un composto chimico che si presenta naturalmente a bassi livelli durante il processo di fermentazione del vino.

È anche aggiunto da molti produttori di vino durante la fase di fermentazione della vinificazione per proteggere e preservare il carattere, il sapore e il colore del vino. L'anidride solforosa è sia antimicrobica che antiossidante in natura, rendendola uno dei migliori alleati disponibili per i viticoltori, poiché impedisce l'ossidazione del vino e impedisce che vinca la sua strada verso l'aceto. L'anidride solforosa è anche utilizzata nella maggior parte delle aziende vinicole come parte del regime di pulizia: i prodotti chimici aggressivi (pensare candeggina) sarebbero una vendita difficile come opzione di pulizia per serbatoi di fermentazione, attrezzature, tubi flessibili, valvole e altri componenti hardware di processo. di scelta.

"Contiene solfiti": cosa c'è in un'etichetta?

Le attuali normative FDA negli Stati Uniti richiedono che tutti i vini, sia domestici che importati, contenenti 10+ ppm di anidride solforosa dichiarino "Contiene solfiti" sull'etichetta. Questa denominazione di etichetta era intesa a proteggere le persone che potrebbero essere allergiche ai solfiti (circa l'1% della popolazione U.S.), le persone con asma sono nella categoria più sensibile.

I segni di sensibilità al solfito comprendono congestione nasale, cefalea, arrossamento della pelle, broncocostrizione, nausea, dolore addominale e vertigini. Ironia della sorte, a causa della tecnologia disponibile per i vignaioli di oggi, la quantità di anidride solforosa necessaria per inibire l'ossidazione, impedire ulteriori fermentazioni e stabilizzare il vino è ai minimi storici.

Il livello massimo di solfiti legale per i vini degli Stati Uniti è di 350 ppm, con la maggior parte dei vini in media circa 125 ppm. Livelli di anidride solforosa presenti in natura in un vino, senza additivi chimici, peserebbero intorno a 10-20 ppm.

Quali vini hanno i livelli di solfito più bassi?

Tenendo presente che tutti i vini contengono alcuni solfiti presenti in natura, se stai cercando vini con il più basso livello di solfiti, allora i vini biologici sono la soluzione migliore, perché la definizione di etichetta "Vini biologici" è prodotta da uve da agricoltura biologica senza l'aggiunta di sostanze chimiche (compresa l'anidride solforosa) durante il processo di vinificazione.I vini bianchi dolci da dessert contengono la maggior quantità di anidride solforosa con vini blush e vini bianchi semi-dolci che arrivano a un secondo di secondo per il contenuto di anidride solforosa. Se si cercano vini con i livelli più bassi di anidride solforosa aggiunta, è necessario oscillare allo spettro opposto e scegliere vini rossi secchi per il contenuto di solfito più basso, seguito da vini bianchi secchi come scelta intermedia.

La connessione tra solfiti e mal di testa

Vale la pena notare che i solfiti abbondano in molte altre fonti di cibo oltre al vino. Gli alimenti secchi, le marmellate e le verdure in scatola o precotte spesso contengono solfiti aggiunti per evitare che si ossidino e si trasformino in marrone nel tempo sullo scaffale.

Infatti, i frutti essiccati tendono a portare molti più solfiti di una normale bottiglia di vino. Il dibattito tra solfiti e la loro correlazione con il mal di testa del vino continua, con molte persone del settore che puntano su istamine, tannini e, naturalmente, l'alcol come il vero colpevole. In entrambi i casi, se qualcuno sperimenta personalmente un'associazione, potrebbe valere la pena di verificare le opzioni organiche per vedere se questo cambia il risultato.