Perché il Quercia conta nella vinificazione

Articoli da viaggio 44 / Getty Images

La lunga relazione che il vino ha avuto con la quercia merita di essere studiata, soprattutto perché le botti di rovere sono state utilizzate per secoli nella fermentazione del vino e in botte. La quercia è utilizzata in qualche modo come un "condimento" per aggiungere sapore e gusto al vino. I vini più costosi del mondo godono quasi sempre della loro giusta quota di nuove querce. Che siano francesi, ungheresi, americani o altri, i contributi di quercia lasciano un segno duraturo sul vino in bottiglia.

Quali vini sono tipicamente cotti?

Varietà di vini rossi che tendono a trarre beneficio da un bel po 'di rovere includono il Pinot Nero, il Cabernet Sauvignon, il Merlot, il Pinotage, il Chianti, lo Zinfandel, il Nebbiolo, il Tempranillo e il Syrah. Varietali di vino bianco che sono ricettivi all'influenza della quercia includono il Pinot Grigio, il Pinot Bianco, il Sauvignon Blanc, il Semillon e naturalmente lo Chardonnay.

Perché Oak to Wine?

Il rovere offre un sapore e un supporto aromatico al vino, aggiungendo al contempo impressioni più ricche e più complesse. Al naso, le influenze primarie della quercia tendono ad accentuare gli aromi che si concentrano attorno al portaspezie, con chiodi di garofano, cannella, noce moscata, vaniglia e "pimento" che sono aromi comuni derivati ​​dal tempo trascorso da un vino in rovere. Al palato, l'influenza della quercia si rivolge verso i ricchi sapori di caramello, cocco, vaniglia, cannella, chiodi di garofano, fumo, tè, moka, caramello e burro.

La botte di rovere e il vino

Una tipica botte di rovere contiene 59 o 60 galloni (a seconda di dove è stato prototipato - barili o barriques di Bordeaux contengono 225 litri o 59 galloni, dove il barile di Borgogna si trova a 60 galloni o 228 litri).

Poiché la quercia è naturalmente porosa in natura, poiché il vino passa il tempo nella botte, inevitabilmente l'evaporazione avviene con circa cinque galloni circa in perdita per evaporazione. Questo processo naturale si traduce in una maggiore concentrazione sia degli aromatici del vino che del profilo aromatico. La quercia utilizzata per la produzione di botti di vino è influenzata da una serie di fattori.

Da dove viene la canna? Quali variazioni regionali si sono verificate con il rovere proveniente da diverse foreste? Come è stato asciugato? Come è stato tostato? Quali pratiche standard sono utilizzate dalla cooperativa che ha fabbricato la canna?

Tipi di quercia utilizzati nella vinificazione

I due tipi più comuni di botti di rovere utilizzate per la vinificazione sono il barile di quercia americana e il barile di quercia francese. Tuttavia, i barili ungheresi e slavi hanno anche un seguito con alcuni produttori di vino. Le botti di rovere americano sono più economiche, hanno una grana più ampia e tannini di legno più bassi rispetto alla quercia francese. Inoltre tendono ad avere una maggiore influenza sul sapore del vino e componenti aromatiche, spesso impartendo sfumature di vaniglia con un profilo un po 'più dolce del palato francese.D'altra parte, il rovere francese è il "gold standard" dell'industria vinicola, che offre tannini di legno più alti e chicchi di legno più stretti che tendono ad avere minore influenza sulle concentrazioni aromatiche e aromatiche del vino di una botte di rovere americano, ma sono noti per aumentare il vino complessivo presenza del palato e complessità intrinseca.

Il rovere francese può facilmente superare $ 1, 000 al barile a seconda della foresta da cui proviene e la quercia americana inizia a circa $ 360 al pop. Con questi numeri in mente, è facile capire che tipo di investimento finanziario stanno facendo le cantine nei loro barili e perché si paga di più per i vini invecchiati nella nuova quercia.

Spesso un produttore di vino barcolla nuovi barili nel processo per mantenere i costi per la cantina e il consumatore più ragionevole.

Qual è il grande affare con la "nuova" quercia?

Più la canna è nuova, più l'influenza della quercia sarà concentrata sul vino. Mentre le annate si consumano, le botti di rovere avranno meno sapore per offrire un vino imminente. Ad esempio, prendi una bustina di tè, tirata fuori dalla scatola e otterrai un'infusione completa dopo averla immersa nell'acqua calda, ma usa la stessa bustina un'altra volta o due e ogni tazza successiva di tè sarà più debole la scala del sapore. Allo stesso modo, dopo quattro o cinque annate, la canna può ancora essere usata come un contenitore "di mantenimento", ma si prevede che il piccolo sapore venga impartito al vino. Vedrai vini che affermano che un terzo del vino è stato invecchiato in "nuova" quercia, per conferire sapore e aumentare la complessità del vino, ma tieni presente che gli altri due terzi del vino sono stati invecchiati in rovere più vecchio e poi mescolato di nuovo insieme prima dell'imbottigliamento.

Ciò consente di risparmiare efficacemente sui costi del barile, aggiungendo tuttavia al personaggio un carattere di quercia.

Toasting Oak

Dopo aver scelto il tipo di quercia, un enologo deciderà quale grado di tostatura è appropriato per lo stile del vino. La tostatura del barile può essere leggera, media o pesante, con un pane tostato leggero che conserva alcuni dei caratteri a base di quercia per il vino e una tostatura o una carbonizzazione più pesante che danno origine a più sfumature di quercia e fumo nel vino. Aumentando la tostatura di una botte, aumenterai efficacemente l'influenza della quercia sul colore, l'aroma, il sapore e lo stile generale del vino.

Una parola sui trucioli di quercia e sul vino

Non è raro che i produttori di vino abbelliscano la canna e usino "chips di quercia" per "stagionare" un vino. Questi chip riducono drasticamente i costi e possono essere utilizzati nella fase di fermentazione o di invecchiamento del processo di vinificazione. I trucioli di rovere sono disponibili in una varietà di forme e sapori e accelerano il processo di aromatizzazione della quercia a causa delle maggiori concentrazioni di rovere e di un maggiore contatto con la superficie del vino. I trucioli di quercia sono posti in un sacco a rete e poi "immersi" (di nuovo simile a una bustina di tè) in un serbatoio. È solo dal 2006 che i trucioli di quercia sono stati legalmente autorizzati per l'uso nelle pratiche di vinificazione del Vecchio Mondo.

La quercia gioca un ruolo fondamentale nel processo di vinificazione di molte varietà e miscele di vino preferite.Tuttavia, uno dei modi migliori per vedere le influenze della quercia è in una degustazione di vini di confronto side-by-side. Lo chardonnay è una delle varietà più facili da degustare con questo componente, poiché molti produttori di vino utilizzano un buon pezzo di quercia per far risaltare le note tostate e burrose che molti consumatori si aspettano da Chardonnay. Basta prendere una bottiglia di Chardonnay ben cotto e uno Chardonnay "unoaked" (tipicamente etichettato come "unoaked" o "naked" Chardonnay) e fare un test di degustazione affiancato. Con la versione oaked, dovresti essere in grado di vedere le influenze dominanti della quercia nelle note tostate fumose che spesso portano a un finale burroso e pieno. Con la versione non cotta di Chardonnay, vedrai il puro frutto varietale dominare - probabilmente pieno di pesca, mela o pera e frutta tropicale più calda se proviene da una regione più calda.